Abruzzo,  Destinazioni in famiglia

ABRUZZO: VILLALAGO, UN PICCOLO BORGO DA VISITARE IN FAMIGLIA CON BAMBINI.

Villalago è un piccolo borgo abruzzese, nei pressi di Scanno. Prima di trascorrere le nostre vacanze estive in Abruzzo non ne avevamo mai sentito parlare né letto guide online a riguardo. Ci siamo ritrovati in questo borgo per pura casualità e l’impatto è stato subito suggestivo. Villalago ci ha conquistati per vari motivi; è piccolo ma carinissimo, è un posto tagliato perfettamente a misura di famiglia, è un paesino che abbiamo scoperto cosi, un po’ per caso. E le cose, che avvengono così, un pò per caso, almeno per me, si rivelano sempre un po’ speciali.  

Prima di raccontarvi cosa abbiamo fatto in questo borgo in un giorno, voglio spiegarvi come ci siamo arrivati.

Come abbiamo scoperto Villalago

Il giorno in cui abbiamo prenotato un alloggio last minute a Villalago eravamo in visita al centro Daini di Villetta Barrea.

Centro Daini Villetta Barrea

Partiti da Chieti, il nostro itinerario prevedeva una visita veloce ( più o meno) al centro Daini, e poi il ritorno alla base. ( albergo di Chieti in cui abbiamo soggiornato 11 notti).

Ovviamente, l’itinerario che avevo preparato con tanta minuzia è stato scombussolato da una serie di “ imprevisti” che no, non avevo messo in conto: tante, ma tante curve, tipiche delle strade di montagna, che hanno rallentato i tempi di percorrenza, tempo uggioso e previsioni meteo che davano pioggia e per finire taaaanta stanchezza fisica.

E dato che come ho detto prima le cose non programmate mi vengono meglio di quelle programmate, mi sono lasciata guidare dall’istinto.

C’è da dire che poi che la visita al centro Daini non è durata, come erroneamente avevo previsto, qualche minuto. Arrivati ci siamo seduti ai tavoli all’aperto, ci siamo trastullati un po’ al fresco, godendoci l’arietta di montagna, abbiamo seguito Rebecca nei giochi, alternandoci, abbiamo ordinato e sbranato due paninozzi montanari farciti con salsiccia, formaggio e verdure ripassate ( si un pranzo leggero) e per ultimo abbiamo visitato i Daini. Insomma, abbiamo trascorso una giornata dettata da ritmi slow, rispettando i tempi della natura e immergendoci totalmente in essa.

Alle 16 non eravamo decisamente in grado di sostenere un viaggio di ritorno, o forse inconsciamente volevamo restare e non tornare più a casa. Cosi, abbiamo pensato di fermarci una notte a dormire nei dintorni di Villetta Barrea per poi visitare il giorno dopo lago e borgo di Scanno.

Borgo di Scanno

Abbiamo iniziato una vera e propria ricerca a tappeto di “tutte” le strutture disponibili nei dintorni. “Tutte” è una parola grossa perché trovare una struttura libera il 14 agosto, nei pressi di Scanno, si è rivelata una missione (quasi) impossibile. Tante strutture erano sold out, Villetta Barrea, Pescasseroli, Scanno, Rivisondoli, Ovindoli, tutto pieno o con prezzi alle stelle. Più passavano i minuti più le probabilità di ritornare alla base aumentavano, più ci sentivamo sconfortati.

Un piccolo barlume di speranza si è riacceso quando sui canali di ricerca è apparsa una struttura libera: La tana dell’orso, a Villalago, solo 6 chilometri da Scanno e ad un prezzo ragionevole. Praticamente un miracolo. Chiamo la struttura, prenoto la stanza. E’ fatta.

La prima cosa che avrei fatto una volta arrivata in hotel sarebbe stata chiudere le persiane, stendermi sul letto, dormire 2 ore.

Cosi è stato. Siamo arrivati in albergo. Checkin rapido, chiavi in mano e siamo corsi a riposarci.

Alle 18 eravamo svegli, arzilli e pronti per esplorare questo sconosciuto, Villalago

Villalago, borgo per famiglie

Reby. Albergo La Tana dell’Orso- Villalago.

Dopo aver riposato qualche ora siamo usciti dal nostro Hotel e abbiamo cominciato a visitare il paesino. Il centro di questo borgo, partendo dalla Tana dell’Orso, è facilmente raggiungibile a piedi. Partendo dall’albergo bisogna girare a sinistra e procedere per 30 metri. Ci si troverà subito nella piazzetta principale, dove si viene accolti da un cartello che classifica e descrive Villalago come uno dei borghi più belli d’Italia. Già solo questo, se siete amanti dei posti di montagna, è un primo buon motivo per visitarlo.

Oltre a questo, perché dovrebbe e/o potrebbe essere un borgo adatto a famiglie con bambini?

Noi lo consigliamo per queste attività.

Lago Pio

All’interno di Villalago esiste un lago ( il nome del borgo deriva proprio da questo) e personalmente è la prima volta che mi capita di vederne uno all’interno di un borgo.

Questo splendido laghetto sorge in un punto ricco di flora e fauna, è naturale e non artificiale, è circondato da aiuole verdi, ben tenute, e da una passeggiata che lo costeggia.

A bordo lago è possibile trascorrere un pomeriggio in famiglia all’insegna di giochi e divertimento, godersi l’aria e la tranquillità delle montagne circostanti, praticare un po’ di pesca sportiva, organizzare un pic nic distesi su un morbido prato o rilassarsi facendo una passeggiata. Il percorso è agevole anche per chi si reca con il passeggino. La strada è liscia, non sterrata.

Se passate per Villalago una piccola puntatina al Lago Pio è d’obbligo. E’ un vero peccato perdersi uno scenario cosi speciale ed unico.

Area giochi interna a Villalago

All’interno del borgo abbiamo trovato anche una piccola area giochi. Minuscola, con due altalene e uno scivolo, ma graziosa e soprattutto molto apprezzata da Rebecca.  Certo, questo non sarà il motivo che vi spingerà a prenotare una vacanza a Villalago ( le aree giochi si trovano ovunque) ma sicuramente se decideste di recarvi in questa località abruzzese sarà un valore aggiunto per i più piccoli.

E’ proprio vero quando si dice che i bambini per essere felici non hanno bisogno di tanti giochi. Rebecca con un’altalena e uno scivolo è stata in grado di giocare e divertirsi per ben due ore. Siamo stati noi a doverla sollecitare ad andare via. Avevamo una prenotazione al ristorante e non potevamo perderla! 😊

Villalago, borgo immerso nel parco regionale d’Abruzzo.

Un’altra attività da fare in famiglia è passeggiare per le graziose vie del centro storico, fermarsi a bere un caffè o a mangiare un gelato in uno dei bar in piazza, pranzare e/o cenare presso uno dei ristorantini di Villalago, gustando le specialità Abruzzesi. Il tutto consapevoli di trovarsi in una posizione privilegiata. Il borgo sorge infatti all’ interno del meraviglioso parco regionale d’Abruzzo dove non sarà cosa insolita fare incontri ravvicinati con daini, cervi, tassi e, se girate di notte, anche orsi! 😊

Pronti per andare a visitare questo gioiellino nascosto racchiuso nel cuore del parco nazionale abruzzese?

Con questo articolo partecipo al concorso #unblogalmese del mese di ottobre 2019 indetto dal blog Trippando

Lascia un commento!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: